NYRR Grete’s Great Gallop mezza maratona

Domenica scorsa ho corso una mezza maratona a Central Park. Quella che doveva essera l’ ultima corsa lunga prima della maratona di Chicago si e’ trasformata nella mia corsa piu’ lunga dalla fine di luglio, prima del mio infortunio.

IMG_5158

Come accennato la settimana scorsa, il piano era di prendermela molto con calma e, al massimo, cercare di tenere lo stesso ritmo che avevo tenuto durante la mia ultima maratona (8:00 min/mile 4:50 min/km) nel caso mi fossi sentita in forma.

La gara e’ iniziata alle 8:00 e il tempo era semplicemente perfetto: 12 gradi e nuvoloso.

Sin dall’ inizio, mi sono ripromessa di non controllare il tempo e di correre ad un ritmo moderato: spingere un po’ ma senza strafare. Ammetto di essere partita troppo veloce ma, siccome non stavo gareggiando, non mi e’ importato piu’ di tanto. Sapevo che prima o poi avrei ceduto e sapevo che prima o poi il continuo sali-scendi tipico di Central Park si sarebbe fatto sentire, specialmente per il fatto che di salite e discese i miei poveri quadricipiti ne hanno viste ben poche negli ultimi mesi. Gli ultimi 5km sono stati decisamente faticosi. Lo stomaco era un po’ scombussolato e le gambe erano pronte a fermarsi. Ho quindi deciso di rallentare ancora un po’ e di godermi questa mia terza corsa lunga post-infortunio senza pressioni.

Vedere i miei compagni=gioia infinita!

Vedere i miei compagni=gioia infinita!

Ho tagliato il traguardo in 1:49:19 (8:21 min/mile – 5:10 min/km), oltre sette minuti al di sopra del mio record per la mezza maratona. Dispiaciuta? Nenche un po’! Ho ricominciato a correre esattamente 4 settimane fa dopo quasi due mesi di pausa. Il solo fatto di aver potuto correre 21km di fila senza fermarmi e sorridendo mi riempie il cuore di gioia! La notizia piu’ bella? Il piede non mi ha dato per niente fastidio, ne’ prima, ne’ dopo la gara! 100% zero dolore. Dopo questa prova del nove, penso di potermi mettere il cuore in pace e dichiarare il piede guarito! FINALMENTE.

Splits

Come al solito, le statistiche del mio Garmin non sono 100% accurate. 13.35 miglia vs le attuali 13.10. Ho utilizzato manual lap piuttosto che autolap ma in alcuni casi ho piu’ di un miglio, in alcuni meno di un miglio. Boh! Comunque, a grandi linee, potete vedere dove erano le salite, dove erano le discese, e dove ho iniziato a mollare un po’.

Subito dopo la gara, mi sono fermata a chiacchierare un po’ con alcune mie compagne di squadra (molte delle quali sono nella fase finale di allenamento per la maratona di New York) e poi sono “corsa” a casa per il mio rito post-corsa lunga: bagno caldo con i sali di Epsom, stretching+foam rolling e… brunch! Il brunch di questa domenica prevedeva pancakes al cioccolato bianco e cranberry preparati con yogurt greco e mela cotta… una delizia che non vi dico!

Gnam gnam!

Gnam gnam!

Questa settimana iniziero’ l’ allenamento ufficiale per la Ted Corbitt 15K del 12 dicembre. Ho poco meno di dieci settimane per preparami e sono super-carica! Dopo un anno e mezzo passato a concentrarmi sulla maratona, sara’ interessante (e faticoso) concentrarsi su allenamenti piu’ brevi ma, allo stesso tempo, molto piu’ intensi. Il mio scopo: arrivare a gennaio in piena forma ma fresca per iniziare l’ allenamento per Boston! Quindi: un po’ meno corsa e un po’ piu’ cross-training e potenziamento muscolare. Da questa settimana infatti iniziero’ ad andare a rowing una volta a settimana. Ho sentito dire che, abbinato alla corsa, da dei risultati sorprendenti. Staremo a vedere!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s