Allenamento 13 – 19 luglio

Buon lunedi! Anche questa settimana di allenamento si e’ conclusa. L’ allenamento e’ andato meglio del solito, anche se la corsa lunga di sabato non e’ stato un successone…

Lunedi 13 luglio – corsa lenta, 7 miglia (11.2.7km) 59:06 (8:26 min/mile 5:14 min/km)

Martedi 14 luglio – 2 miglia riscaldamento, 4 miglia (6.4km) tempo run/fondo medio veloce  in 31:45 (7:56 min/mile 4:55 min/km), 2 miglio defaticamento. 8 miglia (12.8km) in totale.

FINALMNTE un allenamento come si deve! Caldo e umido come sempre, ma questo giro mi sono detta che no, ce l’ avrei dovuta fare. Il mio motto: sono solo 4 miglia – 4 miglia non sono nulla per me! Ho incontrato la squadra a Central Park e corso le prime due miglia con il gruppo e due miglia da sola ascoltando Gigi D’Agostino on repeat (tamarrissima, lo so!). Ebbene si, “solo” 4 miglia, ma le ultime due le ho sentite tutte… gambe=due budini, un caldo che nemmeno a Ferragosto sotto al sole ne ho sentito tanto, sete e testa che girava. Ma… 7:48; 7:57; 8:01; 7:58! SUCCESS! Per la prima volta da Maggio, sono riuscita a correre 4 miglia di fila ad una media inferiore agli 8:00min/mile e non ho rallentato di 3000 secondi a miglio durante l’ ultima parte dell’ allenamento! Durante l’ inverno, 4 miglia al ritmo della maratona sono praticamente una passeggiata. In estate, sono una tortura e ogni piccolo progresso mi rende di una felicita’ immensa!

Mercoledi15 luglio – corsa lenta, 7 miglia (11.2km) 1:00:34 (8:39 min/mile 5:22 min/km)

Giovedi 16 luglio – corsa lenta +8x20sec scatti , 9 miglia (14.4km) 1:17:41 (8:38 min/mile 5:21 min/km)

Venerdi 17 luglio – riposo

Sabato 18 luglio – corsa lunga lenta, 16 miglia (25.7km) 2:21:10 (8:49 min/mile 5:28 min/km)

Ho iniziato a correre alle 7:15 per sconfiggere il caldo, ma la cosa non e’ servita a molto perche’ era super-umido e si faceva fatica a respirare. Dopo 4 miglia, ho raggiunto il mio gruppo e ho proseguito con loro per un po’. All’ improvviso, le gambe sono diventate pesantissime e stanche. Facevano fatica a piegarsi e da li in poi, e’ stata una battaglia. Ho rallentato di 20/30 secondi, acceso l’ ipod, e continuato a girare intorno a Central Park facendo il conto alla rovescia delle restanti miglia. Una gioia insomma! Ah, verso meta’ allenamento, ha iniziato a diluviare di brutto e, per quanto la forte pioggia fosse fastidiosa, quei 15 minuti sono stati laparte piu’ bella (e fresca!) della mia corsa lunga. Peccato che appena il temporale ha smesso l’ aria sia diventata piu’ umida ed insopportabile di prima…

Tornando a noi: questa e’ la terza corsa lunga di fila durnate la quale, per un motivo o per un altro, non mi sono sentita al top e non sono riuscita a rispettare i tempi prescritti. Naturalmente, ci sono varie cause per questo ma, vista com’e’ andata la corsa di sabato, presumo che uno dei motivi sia che sto correndo troppo veloce il lunedi e il mercoledi durante la corsa lenta. Quando mi sono allenata per la maratona del New Jersey (la mia ultima maratona), la mia corsa lunga e’ stata sempre piu’ veloce delle mie corse lente. Ultimamente invece sta succedendo il contrario e quindi ho deciso di mettermi di impegno e rallentare ancora di piu’ il lunedi e il mercoledi nella speranza di sentirmi piu’ in forma e andare piu’ veloce il sabato. Nella corsa, come in tutti gli altri sport, non si finisce mai di imparare.

NonPerdoMai

Domenica 19 luglio – riposo

Caldo mostruoso domenica e tappa in spiaggia obbligatoria! Al ritorno, ci siamo fermati a prendere un [paio di] gelato/i per festeggiare la Giornata Nazionale del Gelato! Giuro che esiste e che non e’ una mia invenzione!

Sorbetto al limone e cookie dough!

Sorbetto al limone e cookie dough!

Totale: 47 miglia/ 75.6km

E per finire in bellezza… le iscrizioni per la maratona di Boston 2016 apriranno ufficialmente il 14 settembre!

!!!

Sono passati quasi tre mesi dalla maratona del New Jersey, eppure a volte ancora stento a credere che abbia corso una maratona in 3h29 e mi sia qualificata per la maratona di Boston! E’ stato veramente un sogno diventato realta’ per me e so gia’ che, comunque andra’, il 18 aprile 2016 sara’ una giornata memorabile!

Advertisements

Allenamento 6 luglio – 12 luglio

#vero: mi sono pentita immediatamente della decisione di iniziare ad allenarmi per una maratona d' estate.

#vero: mi sono pentita immediatamente della decisione di iniziare ad allenarmi per una maratona d’ estate.

Questa foto spiega esattamente come mi stio sentendo nell’ ultimo periodo. Questa settimana ha infatti confermato per l’ ennesima volta quanto correre d’ estate non faccia per me. Sigh!

Lunedi 6 luglio – corsa lenta, 6 miglia (9.7km) 50:43 (8:28 min/mile 5:15 min/km)

Martedi 7 luglio -2 miglia riscaldamento, 2x1600m (7:30 min/mile 4:39min/km). Era da tanto, tantissimo tempo che non interrompevo un allenamento a meta’. L’ allenamento prevedeva 5 ripetute da 1600m. Dopo il lavoro, mi sono armata di acqua ghiacciata (da versarmi addosso fra una ripetuta e l’ altra) e Gatorade e mi sono diretta al campo di atletica. Gia’ durante il riscaldamento avevo capito che, grazie al caldo e alla forte umidita’, sarebbe stato un allenamento tosto. Ma, come si suol dire, la speranza e’ l’ ultima a morire. I primi 1600m li ho corsi leggermente piu’ veloci del dovuto. Durante la seconda ripetuta ho rallentato un po’ ma mi sono sentita peggio di prima. Durante la terza… mi sono fermata dopo 200m. Non ho esattamente deciso io di fermarmi – le mie gambe si sono semplicemente fermate di botto, come per dire: “noi ci rifiutiamo di continuare! Ciao!” Dopo pochi minuti, ho iniziato a piangere come una disperata. Un allenatore che era li si e’ avvicinato per sapere se andava tutto bene e, l’ unica cosa che riuscivo a dire era: “non lo so, le mie gambe non vogliono muoversi e non so il perche’!” Lo so, estremamente drammatico, ma vi guiro che non ero in me. Talmente non ero in me che mi sono dimenticata di fermare il Garmin, e il che e’ tutto un dire. Dopo dieci minuti e mezzo litro di Gatorade, ho iniziato a sentirmi meglio. Tornando a casa, mi sono sentita molto triste ed abbattuta. Fino a pochi mesi fa, questo ritmo era totalmente fattibile per me, mentre ora faccio una fatica enorme a mantenerlo per un misero miglio. Pero’ quello che e’ successo durante questo allenamento mi ha fatto realizzare che con il caldo non si scherza. Siamo tutti diversi e c’e’ chi soffre il caldo di piu’ quando corre con il caldo e chi di meno. E’ ingiusto, ma e’ cosi. Anche con tutta la buona volonta’ del mondo, non posso cambiare il modo in cui il mio corpo reagisce al caldo. Un mese fa, mi sono slogata una caviglia perche’ mi sono sentita mancare durante la fine di un allenamento. Martedi, sono scoppiata a piangere senza motivo per colpa di un forte colpo di calore. Diciamo che devo mettermi l’ animo in pace e prendermela con calma se voglio arrivare ad ottobre tutta intera per correre questa benedetta maratona!

Acqua ghiacciata da una parte, Gatorade dall' altra. COme potete notare, la buona volonta' c'era tutta!

Acqua ghiacciata da una parte, Gatorade dall’ altra. Come potete notare, la buona volonta’ c’era tutta!

Mercoledi 8 luglio – corsa lenta, 6 miglia (9.7km) 51:55 (8:39 min/mile 5:16 min/km)

Giovedi 9 luglio – 7 miglia lente, 2 miglia veloci. 9 miglia/14.4km in totale. In quanto tempo, non ne ho idea! Dopo un paio di miglia e’ iniziato a piovere forte e il Garmin mi ha totalmente abbandonata. Pazienza. So solo che la pioggia era proprio quello che ci voleva… Non mi sentivo cosi fresca e veloce da quasi due mesi!

Venerdi 10 luglio – riposo

Sabato 11 luglio – corsa lunga lenta, 14 miglia (22.5km) 2:02:00 (8:45 min/mile 5:24 min/km)

Che faticaccia questo sabato! ll sole picchiava come non mai e mi sentivo le gambe come due budini. Non vedevo l’ ora di finire! Ho corso in parte con la squadra a Central Park e in parte da sola intorno a Roosevelt Island. Subito dopo, stretching, protein shake e… Brighton Beach! Un tuffo nell’ oceano era proprio quello che ci voleva dopo due ore di corsa sotto il sole.

Post-nuotatina

Post-nuotatina

Domenica 12 luglio – corsa lenta, 4 miglia (6.4km) 33:23 (8:20min/mile 5:11 min/km)

Correre di domenica e’ facoltativo, ma domenica mi sono svegliata con la necessita’ di correre (leggi: con la luna storta) e sapevo che una bella corsetta mi avrebbe aiutata a sentirmi meglio e cosi e’ stato. Dopo la corsa, mi sono diretta a Yonkers per festeggiare la laurea della mia compagna di squadra Mady che, tra le altre cose, fra qualche settimana ci abbandonera’ per andare a lavorare in Irlanda. Dire che sono triste a riguardo e’ dir poco…

Con Kinna (sinistra) e Mady (destra) <3

Con Kinna (sinistra) e Mady (destra) ❤

Totale: 43 miglia/69.2km

Allenamento 22 – 28 giugno

Giugno giugno… Quanto ti amo quando non corro e quanto ti odio quando corro e mi uccidi con il tuo caldo e la tua umidita’! Come avrete capito, e’ stata un’ altra settimana di alti e bassi.

Lunedi 22 giugno – corsa lenta, 6 miglia (9.7km) 50:44 (8:28 min/mile 5:15 min/km)

Martedi 23 giugno -2 miglia riscaldamento, 4 miglia (6.4km) tempo run/fondo medio veloce, 2 miglio defaticamento. 32:24 (8:06 min/mile 5:01 min/km). 8 miglia (12.8km) in totale.

Corsa svolta a Central Park. Durante il riscaldamento e’ piovuto e la cosa mi ha reso contenta perche’ pensavo che la pioggia avrebbe rinfrescato un po’ l’ aria… NO! La pioggia ha alzato ancora di piu’ l’ umidita’ che, insieme al caldo, hanno creato una combinazione tutt’ altro che ideale. Durante il primo miglio, mi sono sentita piuttosto bene. L’ allenatore mi aveva detto di ambire ad una media di 8:00min/mile (4:58) per questo allenamento e cosi ho deciso di seguire delle mie compagne di squadra che volevano correre allo stesso ritmo o ad un ritmo leggermente piu’ lento e non ho controllato il mio Garmin… Errore! Primo miglio: 7:48 (4:50). Troppo veloce e sapevo che me ne sarei pentita durate il resto dell’ allenamento. Infatti, dopo la salita del secondo miglio (8:05/5:01), ho rallentato e perso le mie compagne, concludendo l’ allenamento ad un ritmo medio di 8:06 (5:02). Le ultime due miglia sono state corse in 8:08 (5:03) e 8:26 (5:14). Mi sono sentita mancare il fiato e, durante la fine, le gambe si sono trasformate in gelatina. Soliti effetti del caldo insomma. Si direte voi, la media e’ stata comunque buona. Ma, chi se ne intende di maratone, sa che svolgere un allenamento in questo modo significa andare contro le leggi basilari della maratona (o di qualsiasi altro tipo di gara): mantenere un ritmo costante o, ancora meglio, spingere di piu’ alla fine, iniziando magari piu’ lentamente. Insomma, mi sarei presa a schiaffi martedi 😉 Sbagliando si impara pero’.

Mercoledi 24 giugno – corsa lenta, 6 miglia (9.7km) 50:53 (8:28 min/mile 5:15 min/km)

Giovedi 25 giugno – corsa lenta +6x20sec scatti , 8 miglia (12.8km) 1:10:25 (8:48 min/mile 5:28 min/km)

Venerdi 26 giugno – riposo

Sabato 27 giugno – corsa lunga lenta, 14 miglia (22.5km) 2:01:07 (8:28 min/mile 5:22 min/km)

Corsa magnifica! All’ inizio, la leggera umidita’ mi stave dando un po’ di fastidio, ma poi mi sono ripresa e si e’ trasformata in uno di qegli allenamenti che vorresti non finissero mai! Una sensazione fantastica. La corsa si e’ svolta interamente a Central Park, dove c’era in corso una gara (Pride Run) alla quale partecipavano molti dei miei compagni di squadra. Quindi, io e altri miei compagni, ne abbiamo approfittato per correre intorno al parco e, allo stesso tempo, fare il tifo. E’ stato davvero divertente e le miglia sono volate.

Pride Run 2013 in mezzo a Daniela e Sole. Di quella gara ricoordo solo tanta umidita' e il fatto di volermi fermare per vomitare. Grande gara insomma.

Pride Run 2013 in mezzo a Daniela e Sole. Di quella gara ricoordo solo tanto caldo, tanta umidita’ e il fatto di volermi fermare per vomitare. Grande gara insomma.

Domenica 28 giugno – riposo

Si fa per dire riposo… Ho trascorso l’ intera giornata da Ikea a guardare mobile e provare letti 😉

Totale: 42 miglia/67.5km

Allenamento 29 giugno – 5 luglio

Buon lunedi! Mancano 14 settimane alla maratona di Chicago e anche questa quinta settimana di allenamento si e’ conclusa:

Lunedi 29 giugno – corsa lenta, 6 miglia (9.7km) 51:40 (8:36 min/mile 5:21 min/km)

Martedi 30 giugno -1 miglio riscaldamento, 7 miglia (11km) tempo run/fondo medio veloce, 1 miglio defaticamento. 56:22 (8:03 min/mile 4:59 min/km). 9 miglia (14.5km) in totale.

Anche se sono rientrata nei limiti prescritti dall’ allenatore (8:00-8:15 min/mile 4:58-5:08 min/km), non e’ stato un grande allenamento. Le temperature abbastanza elevate e la forte umidita’ mi hanno costretta a fermarmi due volte durante gli 11km per bagnarmi la testa e il resto del corpo perche’ la mia temperatura corporea era molto elevata e mi sentivo mancare il respiro. Non e’ proprio l’ ideale fermarsi durante questi tipi di allenamento, ma non avevo molta scelta in questo caso! L’ allenamento si e’ svolto a Central Park che, grazie ai suoi sali/scendi, aggiunge qualche difficolta’ in piu’ 😉 E’ un po’ deprimente pensare che ho corso una maratona intera a questo ritmo lo scorso aprile mentre ora mi riesce difficile mantene lo stesso ritmo per appena 11km! Ma confido nel mio allenatore, il quale sostiene che riusciro’ a correre ad un ritmo piu’ veloce e con piu’ facilita’ non appena le temperature si abbasseranno. Vi ho mai detto quanto mi uccide il caldo??

Mercoledi 1 luglio – corsa lenta, 6 miglia (9.7km) 52:47 (8:48 min/mile 5:28 min/km)

Giovedi 2 luglio – corsa lenta +8x20sec scatti , 9 miglia (14.5km) 1:18:59 (8:44 min/mile 5:27 min/km)

Venerdi 3 luglio – riposo Off from work e grigliata dal mio collega in New Jersey! Giornata splendida trascorsa fra bagni in piscina e hot dogs.

Sabato 4 luglio – corsa lunga lenta, 15 miglia (24km) 2:11:38 (8:45 min/mile 5:27 min/km)

E fu cosi che mi ritrovai sola soletta per i miei 24km 😦 I miei compagni di squadra hanno deciso di correre a Van Cortland Park, un parco nel Bronx che mi avrebbe fatto molto piacere visitare ma che si trova ad un’ ora di distanza da casa mia. Piuttosto che farmi un’ ora all’ andata e un’ ora al ritorno per correre 24km, ho deciso di armarmi di coraggio e pazienza e correre da sola. Lo so, per molti di voi sara’ la norma, ma io sono abituata ad avere spesso qualcuno con me per la corsa lunga. Il tempo passa piu’ in fretta in questo modo e mi sento piu’ motivata! Comunque sia, tornando a noi, ho deciso di iniziare a correre da casa e di raggiungere Central Park passando per il Queensborough Bridge. Fatto un giro e qualcosa del parco, mi sono diretta verso ovest, dove ho concluso l’ ultima parte dell’ allenamento sulla West Side Highway.

Forse dalla mappa il percorso risulta piu' chiaro!

Forse dalla mappa il percorso risulta piu’ chiaro!

E’ stato un allenamento piuttosto strano. Di solito, mi ci vuole un po’ per riscaldarmi. Questa volta, dopo appena 4km, mi sono sentita benissimo. La prima meta’ dell’ allenamento e’ stata davvero piacevole. Dopo 13km, mi sono fermata per rinfrescarmi un po’ e bere un po’ d’ acqua (di solito porto solo Gatorade con me d’ estate). Una volta ricominciato a correre, le cose si sono fatte improvvisamente piu’ difficili. Le gambe e il resto del corpo si senttivano bene, ma ho iniziato ad avere l’ affanno e non sentirmi bene di stomaco. Mi sono fermata altre due volte per rinfrescarmi, bere e riprendere fiato e l’ ultima parte dell’ allenamento e’ stata davvero una battaglia contro me stessa. A detta dell’ allenatore, non e’ stato un affaticamento vero e proprio, perche’ altrimenti le gambe si sarebbero sentite deboli e il ritmo sarebbe calato molto di piu’ (quando in realta’ ho rallentato di 10sec a km al massimo). Secondo lui, ho bevuto troppa acqua quando mi sono fermata per rinfrescarrmi e il corpo ha fatto fatica ad assorbirla. Sabato prossimo staro’ piu’ attenta e probabilmente mi limitero’ a bere il mio solito mezzo litro di Gatorade. Ora che ci penso, le ultime due volte che ho fatto cosi, non ho avuto di questi problemi.

Dopo aver vegetato per il resto della giornata, Claudio ed io siamo andati a vedere i tradizionali fuochi d’ artificio del 4 di luglio, festa dell’ indipendenza! Sono gli stessi tutti gli anni, ma ogni volta e’ un’ emozione guardarli!

Happy Birthday, America!

Happy Birthday, America!

Domenica 5 luglio – riposo

Sveglia tardi, destinazione Brighton Beach (Brooklyn) e pizza da Spumoni Garden per cena. Domenica perfetta, direi.

Do Not Disturb.

Do Not Disturb.

Totale: 45 miglia/72.4km